La Rosa

Il giardiniere carezzava la " sua " Rosa


Raggiunto dai pensieri che sfogliano la rosa impregnata già di rugiada


Nettare da svaporare con baci e carezze sotto il pallido sole settembrino..



 

ma la Rosa questa volta gli parlò


 

Ho percorso

eternità di privazioni

sfibranti attese

giorni sterili di sentimento

nottate deserte di corpi in movimento.

Ho tenuto a bada

le sue pressanti pretese,

ma quando sei giunto,

e lo sapevo che saresti arrivato,

tanto più atteso

tanto più coltivato il desiderio

assai declinato

in tutte le tonalità più screziate,

ma quando sei giunto,

divelti i cancelli,

la mia rosa pulsante

non finiva più di strepitare

il piacere scoppiato come una rosa aperta

nella sua recondita tana.


19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Lei